Il momento in cui ho toccato il fondo

da | 24 Marzo 2020 | Moda sostenibile

Vuoi imparare nuovi trucchetti per usare la moda e non farti usare, spunti per comunicare chi sei davvero attraverso la tua immagine e pillole di sostenibilità?
Ascolta il mio podcast: Anche Meno!

Il momento in cui ho toccato il fondo nel mio rapporto con la moda è stato quando mi sono trovata a dover traslocare dalla mia stanza in un appartamento in condivisione a Milano al bilocale con il mio allora fidanzato, oggi marito.

Non dimenticherò mai il suo sguardo quando ha visto il mio armadio strabordante di vestiti e quando gli ho confessato che possedevo dei capi con ancora l’etichetta che non avevo mai indossato, e non gli avevo mai indossati perché in effetti non mi stavano bene. Li avevo presi da Zara o da Mango o in un altro negozio del fast fashion durante i saldi e mi sembravano un’occasione da non perdere.

In quel momento credo che lui abbia pensato seriamente di rivedere la sua proposta di vivere assieme, e io ho cominciato a capire che al mondo esistono persone che non hanno quel rapporto con i vestiti e che –hey– ero io ad avere un problema.

La mia storia non ha nulla di straordinario, è simile a quella di moltissime amanti della moda della mia età, che sono cresciute con il fast fashion e a cui il fast fashion ha completamente cambiato la percezione del valore dei vestiti, dei materiali e della manodopera.

Per forza di cose ho dovuto fare un decluttering prima ancora che la parola decluttering fosse di moda e Marie Kondo diventasse la guru indiscussa dell’ordine mondiale. Ho cominciato a riflettere sull’argomento e a pensare anche al mio rapporto con i soldi e ho cominciato a comprare meno, ma sempre a caso.

Due spinte ad un enorme decluttering del mio armadio sono arrivate dalla già citata Santa Marie Kondo e dalla visione di un documentario agghiacciante sul fast fashion, The True Cost. Credo che sia molto conosciuto al momento, tante influencer ne hanno parlato ed è disponibile su Netflix, guardatelo.

Dimenticavo la terza spinta: nel frattempo ci siamo trasferiti a Parigi, dove gli appartamenti sono costruiti su misura per famiglie di lillipuziani ma con il budget delle Kardashian.

Avendo eliminato il superfluo stringendo al petto magliette e vestiti e cercando di capire se mi procuravano gioia, sono arrivata ad un guardaroba che mi soddisfava a metà. C’erano si i pezzi che mi stavano meglio, ma io non avevo trovato il mio stile. Lo stile non ha nulla a che fare con la moda, intesa come le ultime tendenze. Lo stile parla di noi, è la nostra firma nel mondo, ci semplifica la vita la mattina davanti all’armadio e ci fa risparmiare tanti tanti soldi.

Questa storia di trovare il proprio stile è una faccenda complicata. Io non ci sono ancora riuscita ma è il mio piano per quando ritorneremo alla normalità.

Photo by Priscilla Du Preez on Unsplash

Potrebbe interessarti anche:

Come fare la valigia del weekend

Come fare la valigia del weekend

Il covid sembra abbia allentato la presa, le restrizioni sembra volgano al termine almeno per ora e molte di noi stanno riprendendo a viaggiare. Per questo ho pensato di scrivere questo articolo dedicato alle valigie. Sul podcast trovate un episodio molto dettagliato...

Come trovare l’ispirazione per i tuoi look

Come trovare l’ispirazione per i tuoi look

Trovare ispirazione senza Pinterest e Instagram Quando si parla di ispirazione legata alla moda e agli outfit spesso si pensa a Instagram e Pinterest soprattutto. Sapete che io sono una grande fan di Pinterest e io stessa vi ho consigliato di creare la vostra o le...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.