Il momento in cui ho toccato il fondo

da | 24 Marzo 2020 | Sostenibilità

Vuoi imparare a fare pace con il tuo corpo un passo alla volta?
Ascolta il mio podcast!

Il momento in cui ho toccato il fondo nel mio rapporto con la moda è stato quando mi sono trovata a dover traslocare dalla mia stanza in un appartamento in condivisione a Milano al bilocale con il mio allora fidanzato, oggi marito.

Non dimenticherò mai il suo sguardo quando ha visto il mio armadio strabordante di vestiti e quando gli ho confessato che possedevo dei capi con ancora l’etichetta che non avevo mai indossato, e non gli avevo mai indossati perché in effetti non mi stavano bene. Li avevo presi da Zara o da Mango o in un altro negozio del fast fashion durante i saldi e mi sembravano un’occasione da non perdere.

In quel momento credo che lui abbia pensato seriamente di rivedere la sua proposta di vivere assieme, e io ho cominciato a capire che al mondo esistono persone che non hanno quel rapporto con i vestiti e che –hey– ero io ad avere un problema.

La mia storia non ha nulla di straordinario, è simile a quella di moltissime amanti della moda della mia età, che sono cresciute con il fast fashion e a cui il fast fashion ha completamente cambiato la percezione del valore dei vestiti, dei materiali e della manodopera.

Per forza di cose ho dovuto fare un decluttering prima ancora che la parola decluttering fosse di moda e Marie Kondo diventasse la guru indiscussa dell’ordine mondiale. Ho cominciato a riflettere sull’argomento e a pensare anche al mio rapporto con i soldi e ho cominciato a comprare meno, ma sempre a caso.

Due spinte ad un enorme decluttering del mio armadio sono arrivate dalla già citata Marie Kondo e dalla visione di un documentario agghiacciante sul fast fashion, The True Cost. Credo che sia molto conosciuto al momento, tante influencer ne hanno parlato ed è disponibile su Netflix, guardatelo.

Dimenticavo la terza spinta: nel frattempo ci siamo trasferiti a Parigi, dove gli appartamenti sono costruiti su misura per famiglie di lillipuziani ma con il budget delle Kardashian.

Avendo eliminato il superfluo stringendo al petto magliette e vestiti e cercando di capire se mi procuravano gioia, sono arrivata ad un guardaroba che mi soddisfaceva a metà. C’erano si i pezzi che mi stavano meglio, ma io non avevo trovato il mio stile. Lo stile non ha nulla a che fare con la moda, intesa come le ultime tendenze. Lo stile parla di noi, è la nostra firma nel mondo, ci semplifica la vita la mattina davanti all’armadio e ci fa risparmiare tanti tanti soldi.

Trovare il nostro stile passa per la conoscenza che abbiamo di noi stesse e per il coraggio che abbiamo di essere noi stesse nel mondo. Alle volte per capire chi siamo e cosa ci piace serve semplificare. Quello che mi ha aiutata davvero a capire meglio il mio stile è stato creare il mio primo guardaroba capsula.

Il guardaroba capsula è una selezione dei nostri vestiti, una specie di mini collezione, che decidiamo di usare per un determinato periodo di tempo, di solito 3 mesi.

Quando mi sono approcciata al guardaroba capsula pensavo fosse troppo minimalista per me, e invece era proprio quello che ci voleva. Semplificare, ridurre. Osservare quello a cui tengo davvero, abbinare i capi e creare nuovi outfit che si ripetono e creare quindi la mia divisa. Poi ne ho creati ancora e ancora e ho imparato sempre qualcosa di nuovo su di me e sul mio stile.

Ho trovato così importante questo argomento che ho deciso di scrivere una guida, è gratuita ma ci ho messo dentro tutta la mia esperienza e le mie tecniche che utilizzo anche nelle mie consulenze. Se ti interessa la trovi qui.

Grazie per avermi letta sino a qui, al prossimo articolo!

 

Francesca Ibba Maglioncino Cerulleo

Ciao,
io sono Francesca

e sono una Body Confidence Coach. Ti aiuto a fare pace con il tuo corpo, un passo alla volta.

Ultimi articoli

Ascolta il mio podcast

Caro Corpo

Potrebbe interessarti anche:

Come comprare meno sul serio

Come comprare meno sul serio

Tecniche e suggerimenti per evitare gli acquisti compulsivi   Oggi vorrei parlarvi di qualche trucco per comprare meno sul serio. Sono idee e suggerimenti che ho usato in prima persona, perché fino qualche anno fa ero una compratrice compulsiva. Usavo il mio...

Black Friday: cosa e come comprare consapevolmente

Black Friday: cosa e come comprare consapevolmente

Il black friday è alle porte, quella che era una tradizione statunitense è diventata da qualche anno un appuntamento fisso anche per gli europei. Non starò a girarci intorno: il black friday è la festa del consumismo più sfrenato, l’apoteosi del “compro senza pensarci...

Marchi sportivi sostenibili per fasce di prezzo

Marchi sportivi sostenibili per fasce di prezzo

Qualche tempo fa ho deciso di approcciare il tema dei marchi sostenibili che producono abbigliamento sportivo e, mentre facevo le mie ricerche, mi sono resa conto che su questa particolare tematica poteva essere importante lavorare su fasce di prezzo. Questa...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *