Il pigiama: la sua storia e i marchi italiani che amo di più

da | 30 Aprile 2021 | Moda sostenibile

Vuoi imparare nuovi trucchetti per usare la moda e non farti usare, spunti per comunicare chi sei davvero attraverso la tua immagine e pillole di sostenibilità?
Ascolta il mio podcast: Anche Meno!

Ho delle routine molto specifiche per quanto riguarda il pigiama. Ad esempio il cambio delle lenzuola corrisponde anche con il cambio del pigiama e viene fatto di venerdì. Il venerdì sera infatti è un momento perfetto: di solito non cuciniamo (e quindi non rimettiamo in ordine la cucina) perché usciamo a cena oppure ordiniamo. Davanti a noi, luminosi e promettenti, ben 2 giorni di weekend dove fare quello che più ci piace, il tutto coronato dal momento della routine serale: doccia calda, creme e cremine, pigiama fresco di bucato e letto che sa di pulito. La pace dei sensi.

A questo punto lo avrete capito, io amo i pigiami. Trovo che sia anche un bellissimo regalo se scelto con cura. Forse quello che mi affascina del pigiama è proprio il fatto che sia un indumento pensato per non essere visto, qualcosa che sfugge alle pressioni sociali e che quindi ci rivela anche un po’ chi siamo.

UN PO’ DI STORIA

La parola pigiama deriva dall’hindi pae jama, ovvero vestito per le gambe. Il completo composto dalla tunica e dai pantaloni proviene dalla Persia, dove poi è passato in India. Per gli indiani non è relegato alla notte, ma anzi in alcune regioni rappresenta l’abbigliamento tradizionale. Saranno gli inglesi a fine ‘800 ad utilizzarlo, solo per gli uomini, come alternativa alla camicia da notte.

Negli anni venti anche le donne cominceranno ad utilizzarlo, ma per il giorno. Coco Chanel introdurrà i pantaloni-pigiama, in jersey, che diventeranno subito di gran moda.

Il pigiama la sua storia e i marchi italiani09
Coco Chanel e il duca Laurino al Lido di Venezia

Gli anni 60 saranno però teatro del momento di maggior splendore per il pigiama utilizzato come abbigliamento da sera. La regina del pigiama di lusso è la principessa e stilista russa Irene Galitzine (in realtà nacque a Tiblisi, ma la Georgia all’epoca faceva parte della Russia). Famosa per il suo pigiama-palazzo, nome che verrà inventato dalla giornalista Diana Vreeland quando vide la sua prima sfilata a Firenze a Palazzo Pitti. Si trattava di una versione di lusso del pigiama, realizzata in tessuti pregiati e adornata con decorazioni preziose. Poteva essere utilizzato all’esterno ma veniva molto usato anche quando si riceveva in casa: apprezzato perché garantiva comodità senza essere eccessivamente eleganti in una situazione informale.

Il pigiama- la sua storia e i marchi italiani08
Modello di pigiama palazzo di Irene Galitzine, 1962

Poi il pigiama venne gradualmente relegato alla camera da letto, fino al 2012 quando Marc Jacobs per Louis Vuitton presentò una collezione ispirata alla lingerie, dove fece ritorno il pigiama in versione da giorno. Da lì in poi il pigiama da giorno ci è stato proposto un po’ da tutti, sino a toccare l’apice nella stagione 2016/17 quando lo produceva anche Zara.

Poi il pigiama venne gradualmente relegato alla camera da letto, fino al 2012 quando Marc Jacobs per Louis Vuitton presentò una collezione ispirata alla lingerie, dove fece ritorno il pigiama in versione da giorno. Da lì in poi il pigiama da giorno ci è stato proposto un po’ da tutti, sino a toccare l’apice nella stagione 2016/17 quando lo produceva anche Zara.

Il pigiama- la sua storia e i marchi italiani10
Il pigiama- la sua storia e i marchi italiani11
Marc Jacobs alla fine della sfilata FW 2012/13 Louis Vuitton

A questo punto mi permetto un’opinione personale che siete liberissime di smentire nei commenti: trovo che questa moda non abbia mai davvero preso piede. Non mi risulta di aver mai visto né a Parigi né a Milano, molte donne (direi nessuna) indossare i pigiami da giorno. Certamente mi è capitato di vedere numerose foto su Pinterest e Instagram di giornaliste e blogger che si recavano alle sfilate così abbigliate, ma nella vita di tutti i giorni, sinceramente, mai.

Capita che ci siano delle tendenze che sembrano esistere solo nel circolo delle persone più in vista e che non riescano a scendere al livello della strada, delle persone tra molte molte virgolette “normali”. Il pigiama da giorno per me è una di queste, forse perché non riusciamo a vederlo come un capo da mostrare agli altri, mi piace pensare che vogliamo proteggerlo dal caos di tutti i giorni e lasciarlo esclusivamente capo per la notte, per il buio e per la sera. Per il relax.

MARCHI ITALIANI

Ci sono donne che dormono con la camicia da notte. Io le immagino come creature di un’altra epoca e le ammiro molto, personalmente le trovo assai scomode nel letto, forse perché di notte mi muovo come una biscia a quanto dice mio marito. C’è chi dorme con le vecchie t-shirt enormi di qualche concerto o gruppo musicale. Chi dorme solo avvolta dalla seta. In qualunque modo voi dormiate, vorrei presentarvi dei marchi italiani che producono dei pigiami davvero di qualità. Alcuni producono tutto in Italia e usano filati italiani e altri hanno stretto collaborazioni con manifatture indiane e utilizzano i loro tessuti.

ANGELA

Angela produce pezzi unici a mano con delle stoffe pregiate che acquista in India. Le stoffe vengono decorate in piccoli laboratori di artigiani locali che, ancora oggi, stampano i tessuti utilizzando la tecnica del blockprint. I disegni sono riprodotti con un paziente e accurato lavoro di intaglio su blocchi di legno di teak. Ogni blocco viene intinto in un colore diverso. Per farlo, si utilizzano colori di origine vegetale. In Italia, nelle sartorie artigianali si tagliano e si cuciono a mano le stoffe. I pigiami sono dunque pezzi unici.

Il pigiama- la sua storia e i marchi italiani03
Il pigiama- la sua storia e i marchi italiani04
Il pigiama- la sua storia e i marchi italiani05

CARLOTTA RADAELLI

Carlotta è una stilista che ha da sempre avuto molto a cuore il tema della moda etica e sostenibile, la sua linea si chiama Carlotta Radaelli Bioattitude e anche su Instagram si occupa di sensibilizzare sempre più persone su questo tema. Produce capi su misura, e fra questi anche un pigiama in morbidissimo cotone. Che lusso un pigiama su misura, io la trovo un’idea regalo fantastica!

Il pigiama- la sua storia e i marchi italiani06

CASA GIN

Questo marchio è completamente Made in Italy ed è sinonimo di estrema attenzione e qualità. La loro attenzione alla sostenibilità passa dalle certificazioni sui tessuti sino all’obiettivo di ridurre al minimo le emissioni prodotte. Il design piacerà agli amanti della semplicità, i loro pigiami sono realizzati in TENCEL™ Modal, una fibra vegetale derivante dal legno di faggio.

Il pigiama- la sua storia e i marchi italiani02
Il pigiama- la sua storia e i marchi italiani01

PER LE ANIME ROMANTICHE

Vi segnalo il profilo di La madeleine vintage perché ha spesso camicie da notte stupende se siete amanti del genere.

Spero che questo viaggio nel mondo dei pigiami vi sia piaciuto! 🙂

Potrebbe interessarti anche:

Come fare la valigia del weekend

Come fare la valigia del weekend

Il covid sembra abbia allentato la presa, le restrizioni sembra volgano al termine almeno per ora e molte di noi stanno riprendendo a viaggiare. Per questo ho pensato di scrivere questo articolo dedicato alle valigie. Sul podcast trovate un episodio molto dettagliato...

Come trovare l’ispirazione per i tuoi look

Come trovare l’ispirazione per i tuoi look

Trovare ispirazione senza Pinterest e Instagram Quando si parla di ispirazione legata alla moda e agli outfit spesso si pensa a Instagram e Pinterest soprattutto. Sapete che io sono una grande fan di Pinterest e io stessa vi ho consigliato di creare la vostra o le...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.