Podcast Episodio 4

Episodio 4 – Perché è una buona idea sperimentare con l’immagine in vacanza + come fare la valigia

Questa puntata mi è venuta in mente quando la mia amica Chiara mi ha detto che dovrei fare una consulenza per insegnare a fare la valigia, perché lei ogni volta che ne deve fare una finisce per portarsi dietro mezzo armadio e avere la sensazione di aver lasciato a casa le cose perfette e aver portato quelle che alla fine erano inutili, o comunque aver portato troppi vestiti ed aver alla fine usato sempre gli stessi. Non credo assolutamente che Chiara sia la sola al mondo ad avere questi problemi e per questo motivo questo argomento mi incuriosiva. Poi però ho cominciato anche a pensare a quanto la vacanza sia il momento ideale per le più timide tra noi o per chi sta cercando di trovare il coraggio di esprimersi pienamente attraverso la propria immagine per sperimentare, provare, osare, al riparo dalle critiche che ci fanno così paura o che comunque ci mettono a disagio.

Racchiudere in un piccolo/medio contenitore quello che ci servirà per la nostra vacanza non è sempre facilissimo, perché richiede una selezione tra i nostri averi e la consapevolezza che non avremo tutto a nostra disposizione e che quindi dalla nostra selezione dipenderà la riuscita o meno dei nostri outfit, sia dal punto di vista estetico che dal punto di vista pratico. Ecco quindi che al grido di non si sa mai ci portiamo dietro le famigerate opzioni.

In questa puntata quindi parleremo di come sperimentare con la propria immagine e allo stesso tempo di come fare la valigia senza portarci dietro tutto l’armadio. Alla fine ci saranno anche dei trucchetti salva spazio.

Esercizi per sperimentare con lo stile in vacanza

Come vi dicevo, trovo che le vacanze siano un ottimo momento per cominciare a mettere in pratica qualche consiglio delle scorse puntate e cominciare a giocare con la vostra immagine allo scopo di trovare il vostro stile, divertendovi. durante le vacanze siamo più rilassati e soprattutto siamo meno circondati dalle persone della nostra cerchia (genitori, amici, parenti e soprattutto colleghi) che potrebbero farci venire paura di provare a indossare cose nuove perché ci fanno sentire giudicati. In vacanza ci sentiamo più libere, noi stesse, e di solito siamo anche di ottimo umore quindi non c’è momento migliore per testare abbinamenti che in città non avremmo avuto il coraggio di provare.

Ok però in vacanza il problema che si pone è la valigia: bella questa storia di testare ma come faccio senza portarmi mezzo armadio? ora vi darò qualche consiglio sia per chi ha un po’ più di tempo sia per chi fa la valigia all’ultimissimo momento.

Per chi ha più tempo vi propongo l’esercizio della scorsa puntata ovvero, selezionate i capi che usate più spesso e che vi fanno sentire bene, sicure e comode ma che magari hanno cominciato ad annoiarvi un po’, poi selezionate anche quei capi più colorati, particolari o magari con delle fantasie e provate a fare degli abbinamenti tra i due blocchi, quando trovate qualcosa che vi piace non scattate solo una foto come vi suggerivo l’altra volta ma provateli, proprio perché stiamo facendo una valigia e non possiamo portarci tutto il guardaroba, così saremo sicuri di stare bene con il nostro nuovo abbinamento e saremo contenti di portarlo con noi in vacanza!

Non dimenticate gli accessori come i gioielli, le borse e i foulard che possono regalare ad un look più classico quella marcia in più che non lo rende noioso

Un’altra cosa che potete fare è capire quali sono quei capi che vi fanno sentire sexy: non sto parlando per forza di minigonne, abiti succinti o quello che nell’immaginario comune è dipinto come sexy. intendo quello che vi fa sentire belle e sicure di voi. Può essere una camicia bianca, un vestitino romantico o un paio di scarpe. provate a riflettere se avete uno di questi capi nell’armadio e costruiteci un look, portatelo in vacanza e usatelo.

Se sapete già che non avrete tutto questo tempo ma volete comunque provare a lasciarvi andare di più in vacanza? ok mettete in valigia un vestitino allegro e colorato che possiate portare sia in modo elegante che più casual. Poi aggiungete un gioiello particolare che vi piace ma non indossate mai perché avete paura di essere troppo evidenti e di farvi notare troppo. Se li avete, anche dei pantaloni con una stampa da portare al posto dei 5 pantaloni a tinta unita sostituitene uno a tinta unita con uno più allegro e con delle stampe e poi però usateli!

Se avete delle serate già decise, ad esempio festeggerete il compleanno o l’anniversario , inserite anche un outfit particolare per quella serata, ma sceglietelo prima non è che vi portate tre opzioni tra le quali scegliere una volta li. Anche se non avete tempo, provatevi almeno questo outfit per essere certe.

Contare i capi

A questo punto bisogna considerare il numero di capi e nel caso tagliare qualche capo che avete selezionato.

Se avete un po’ più di tempo e state via una settimana potete anche contare gli outfit, ovvero decidere per ogni giorno cosa indosserete sapendo che utilizzerete più volte i pantaloni e i cardigan o maglioncini leggeri e non riuscirete a riutilizzare le maglie (soprattutto se non avete una lavatrice). Quindi direi che 7 maglie e 7 mutande saranno il minimo🙂 Fate proprio i look per tutta la settimana, se volete fate le foto da tenere nel vostro telefonino. In questo modo potrete già vedere se quello che avete dentro l’armadio si accorda

Se invece state via per più tempo contate sempre gli outfit per una settimana e poi lavate, anche a mano con la saponetta di Marsiglia se non avete una lavatrice o una lavanderia a disposizione.

Non avete tempo? contate comunque gli outfit e magari non fate gli abbinamenti.

Questione scarpe: portate quelle più comode, se avete in programma di fare camminate più lunghe portatevi le sneakers di tela oppure dei sandali apposta come le Birkenstock.

I sandali bassi chiaramente occupano molto meno spazio in valigia e ce ne sono di carinissimi. se non potete rinunciare ai tacchi, portatene solo un paio.

Secondo me fare la valigia in questo modo, ovvero contando i capi e facendo una scelta prima senza portarci dietro le opzioni,  è un esercizio molto utile, perché ci fa capire quali sono i capi che possediamo dei quali non possiamo proprio fare a meno.

Beauty

Piccola parentesi sul beauty che alle volte può rappresentare una parte molto ingombrante della valigia.

Anche qui portatevi lo stretto indispensabile per l’igiene di base, non dimenticate la crema solare, io sono una abbastanza fissata per la cura della pelle e in passato ho anche ceduto all’acquisto di moltissimi prodotti che poi puntualmente non usavo. la mia routine base comprende la doppia detersione, quindi prima si passa un olio sul viso (che vale anche come struccante) e poi si risciacqua con un detergente, preferibilmente in mousse ma io uso anche quelli in gel. poi contorno occhi, crema viso (divisa tra crema da giorno e crema da notte) e balsamo labbra. Quando sono a casa mia faccio anche lo scrub, passo il il tonico e mi metto un siero all’acido ialuronico. ho deciso di non portarmi questi prodotti in n vacanza e tenermi alla routine di base.  Ah non uso più il cotone, l’ho sostituito con dei dischetti in tessuto lavabili.

Anche per il trucco sono molto minimal, mascara, correttore, minipalette di quattro ombretti, rossettino nude. Di solito d’estate non uso il profumo perché ho troppo caldo, ma se voi lo amate ecco che passiamo al primo della serie di consigli per risparmiare spazio e evitare spiacevoli sorprese in valigia

Quindi se voi amate e volete portare il profumo ma siete preoccupate che la boccetta si rompa, inseritelo nei calzini arrotolati, così sarà protetto. Se volete esagerare inserite la palla di calzini e boccetta di profumo dentro una sneaker.

Per evitare invece che le polveri dei trucchi si rompano, penso alla cipria o agli ombretti, inserite nella palettina un dischetto di cotone, un fazzolettino o un pezzo di stoffa ripiegato ma deve essere sottile ridurrà lo spazio vuoto e eviterà la rottura.

Se siete delle amanti dell’ordine e dell’organizzazione come la sottoscritta, vi consiglio di dividere i capi nella valigia dentro dei contenitori. Quindi ad esempio l’intimo tutto assieme in un contenitore, le maglie in un altro, i pantaloni in un altro ancora e così via. Io tempo fa, davvero anni fa, comprai dei contenitori in tessuto fatti apposta per le valigie ma voi potreste finalmente dare uno scopo a tutte quelle borse di tela che avete. Questo trucchetto è utile per evitare quell’effetto di disordine totale che si ha quando aprite la valigia e vi sarà anche più facile mettere a posto le cose quando arriverete nella vostra destinazione. se poi fate un viaggio dove cambiate location spesso e quindi non disfate mai la valigia ancora meglio perché vi eviterà di ravanare dentro la valigia cercando proprio quella maglia, basterà aprire il contenitore delle maglie et voilà.

Per piegare i vestiti inoltre non mi dite che ancora non seguite il consiglio della nostra amica Marie Kondo: fate i salsicciotti di vestiti e lo spazio in valigia aumenterà considerevolmente. Cercate su Google o YouTube metodo per piegare vestiti Marie Kondo e scoprirete un mondo. per dire che anche mio marito ormai piega i suoi vestiti solo così.

Infine i bijoux e i gioielli: prima di portare i vostri gioielli preziosi preferiti assicuratevi o di portarli sempre addosso oppure di avere una cassaforte dove riporli quando non li mettete e non siete in camera o in casa

Se vi piacciono le collanine e ne volete portare diverse ma avete paura che si attorciglino tutte tra di loro, provate a costruire con del cartoncino (io uso quello del rotolo terminato della carta igienica) un cilindro simile ad una cannuccia più corta, fissatelo con del nastro adesivo e infilate un estremità della collana dentro questo mini cilindro. Chiudete la collana e a questo punto non dovrebbero essere possibili attorcigliamenti!

Altri consigli

Partiamo dal primissimo consiglio che dovreste attuare circa una settimana prima della data nella quale farete la valigia, ovvero cominciate la lista delle cose da portare.

Facendo la lista all’ultimo minuto infatti il rischio di dimenticare qualcosa è più alto. Se invece durante i giorni precedenti lascerete in un punto ben visibile e raggiungibile la lista, avrete il tempo di aggiungere le cose mano a mano che vi vengono in mente. Non so voi  ma a me capita sempre così, mentre preparo la cena mi viene in mente che devo portare il contenitore del cibo per Amedeo, mentre mi  lavo i capelli mi ricordo che non posso dimenticare quell’elastico fatto apposta per non spezzare i capelli soprattutto quando sono bagnati etc. 

Funziona anche con le note del telefonino, ma io sono old school e mi piace usare carta e penna.

Per chi invece non ha tempo e deve fare la valigia domani o sa già che non riuscirà ad organizzarsi prima, ecco qualche esempio che di solito finisce nella lista: documenti, green pass, plf, medicine, carica batterie, lenti a contatto, occhiali da sole, crema solare, buste in tessuto per fare la spesa, borracce per l’acqua.

Ma io aggiungo anche la pochette per la biancheria sporca, Una saponetta di Marsiglia (che anche se vi dimenticate potete trovare ovunque ad un costo molto basso), un quadernino e una penna perché sono una grafomane.

Altro consiglio classico, quando vi accingete a fare la valigia la cosa fondamentale è guardare il meteo del posto dove andrete in vacanza, comprese le temperature della sera: le temperature calano bruscamente una volta tramontato il sole? vi faccio un esempio di vita vissuta L’anno scorso ad agosto sono stata in montagna in Friuli (Sauris consigliatissimo, una perla).  e malgrado avessi portato abbigliamento più pesante non avevo considerato quando calassero le temperature la sera. Per fortuna mia suocera aveva un pile di scorta per me e io ho imparato la lezione!

i capi salvavita

Il Kway anti vento e pioggia, è leggerissimo e in valigia si infila ovunque, anche al mare possono capitare quei temporali estivi proprio quando dovete uscire a cena, può sempre essere utile.

Una pashmina in cotone. se viaggiate in aereo o in treno dove non avete voi il controllo dell’aria condizionata può evitarvi la sofferenza del freddo e di un eventuale mal di gola!

Se andate in posti dove il clima cambia spesso come la montagna o le città del nord Europa create dei look a cipolla, vestitevi a strati in modo da poter aggiungere e togliere in base alla temperatura.